Sei mai stato l'altro?


Nelle paure, nelle aspettative, nelle delusioni ...sei mai stato l'altro? Sei mai stato l'altra parte di te? Invece di chiuderti sempre più nel tuo "modo" di essere, sei mai stato Essere? Diventa facile, facilissimo nell'immediato difendersi nello sgomento, perdersi e abbandonarsi alla disperazione! Sanno farlo tutti...
Indossare quella maschera di autostima nel far vedere e nel farsi vedere vittima degli eventi, delle circostanze (sempre) negative, nel dolore. Come se fosse una catena di cose che si ripetono, un treno che torna sempre alla stessa stazione...
Sei mai stato l'altro? Sei mai stato l'altra parte di te? Abbandonando quella maschera, quel treno che parte ma non arriva a nessuna nuova meta... abbandonando le stesse parole di sempre, le stesse giustificazioni che dai solo a te... non ti stanchi? Non ti stanca? E quanto ancora ne dovrà passare di tempo?
Sei mai stato l'altro? Sei mai stato l'altra parte di te? Invece di aspettare il tempo che non passa... invece di aspettare che gli eventi avvengano... invece di stare fermo lì, seduto in quel treno che non ha destinazioni (ma che soprattutto non guidi tu!)...
Nelle tue paure, nelle tue aspettative, nelle tue delusioni ...chi guida i tuoi passi? Chi decide cosa sia meglio fare? Le tue stesse paure, aspettative, delusioni ...oppure l'altra parte di te?! Quella parte che è rimasta sempre lì, messa appunto da parte, mai degnata di considerazione perché "io sono così, non posso farci nulla".
Si cambia, si può cambiare ...e gli unici a deciderlo siamo noi, saremo solo noi.
Fino a quando non saremo impregnati di questa consapevolezza, la vita ci scivolerà addosso come se niente potesse mai scalfire il nostro Essere, continuando ad essere sempre vittime, figli fragili delle cose che non cambiano. 


"...non facciamoci figli fragili
delle cose che dovevano cambiare.
Cerchiamo invece di essere noi gli artefici
delle cose che dovranno cambiare.
Oggi..."

["Le cose che dovevano cambiare", Kyriacos Ray]


Sei mai stato l'altro? Sei mai stato l'altra parte di te?


0 Pensieri:

Posta un commento