L' immenso

Il mio destino s’ arranca man mano
che il sole nel suo lento morire s’ accende
e nell’ arrivar lì,
tra il confine del mare e il rosso di un tramonto,
adagiato sopra un’ onda che avanza,
già poi torna in riva,
sulle terrestre sponde di un fiume che scorre
...in piena d’ amore.
E’ scritto che nel vivere, lento si morirà
e nel morire, lentamente si vivrà.
La vita non deve nulla di ciò che toglie:
ti veste di ricche speranze che poi
denudato ti accorgi che ti spoglia stess’ essa.
Il mio destino spesso si arrangia
tra il vivere e il sopravvivere
ma trova riparo nell’ amore profondo sempre pronto
che nel momento in cui mi stanco
già mi torna l’ energia
nelle fiacche membra del mio corpo
...in piena d’ amore.
E sta scritto che nel vedere lontano,
la vita meglio si comprende.
La vita che non ti deve nulla per le tue voglie
perché ti lascia sudore in fronte
quando poi t’ accorgi che è già tardi.
E tutto ciò che poi sarà,
sarà soltanto ciò che già fu
perché nel vivere ho scoperto l’ amore
e nell’ amore l’ immenso.

1 commento: