Prima manifestazione


Il vero è...

Passano gli anni e con gli anni la vita ma non la giovinezza. Passa questo tempo nell'attesa di un cambiamento ma cosa desiderare quando si ha già tutto il mondo? Perché c'è comunque un'attesa nel cambiare? Il vero è che nessuno ha già tutto il mondo... Il vero è che abbiamo tutti UN mondo, un mondo fatto con i nostri pensieri, un mondo fatto del nostro "io", con i nostri desideri. Noi siamo una piccolissima parte del mondo ma il vero è che siamo gli artefici del nostro mondo quindi la parte più importante. Noi siamo il cuore, l' amore, il sangue che scorre nelle vene del tempo, che zampilla sulle ferite della vita. E stiamo qui e viviamo in tempi chiamati moderni, tempi di morte, di chiusura, di razzismo a questioni sociali, di diversità. Viviamo sotto cartoni di soldati che ci puntano armi addosso. Viviamo in piccole realtà che nascondiamo per apparire diversi e migliori del nostro "io"... ma perché cambiare? Perché nascondersi? Il vero è che ognuno ha una certa posizione da mandare avanti... Ma io non voglio appartenere a certi canoni. Io non voglio nessuna posizione, nessuna condizione. L'esistere fa male e porta al dolore. Questa vita sembra che non ha alcuna soluzione, nessuna logica... ma il vero è che siamo esseri umani, esseri dotati non di intelligenza ma di luce! Ci sono persone che non hanno alcuna traccia di idee... ci sono persone che invece dedicano la propria vita a difendere certi valori, a difendere un fiore! Ma c'è gente forse che non ha più voglia di vivere, gente che è stanca di questi bombardamenti alla vita... Ci sono persone che non vogliono essere considerate più tali. Ma se non sono persone allora chi sono? Il vero è che comunque c'è sempre un'attesa nel cambiare e chi riesce a cambiare non è più una persona, non è più un componente di questo mondo. Chi riesce a cambiare diventa parte di un'altra dimensione, non più né di questo né del mondo "io": c'è una terza dimensione. La prima fa parte di questo mondo troppo burocratico e formale, la seconda si trova una in ogni mente di ogni persona e la terza è in un concetto più globale... è una dimensione più ampia. Una dimensione dove non esiste l'aria perché non serve respirare, dove non esiste nessuna persona fisica e non serve avere gli occhi per guardare e una bocca per parlare. In questa dimensione esiste quello che c'è dentro e dietro agli occhi. Chi riesce a cambiare in questi tempi e diventa parte a questa dimensione, assume una nuova posizione, una nuova condizione! Non è più solo una persona fisica ma è una nuova realtà. Si diventa qualcosa di astratto. Si diventa un'emozione, un ricordo, un amore, un sentimento, una poesia...

Io non sono qualcuno, io sono qualcosa.
...qualcosa di bello.

condividi su facebook


0 Pensieri:

Posta un commento